green cosmetics. beauty tips. more

on the road #4-bis Dettagli sulla Scozia + mini sfortunato haul

13 settembre 2015
Ciao ragazze!
A grande richiesta oggi vi parlerò della mia mini vacanza in Scozia. Vi avevo già fatto vedere prima di partire che prodotti mi sarei portata (post) ma visto che apparentemente la Scozia è una meta molto gettonata, vi racconto un po' com'è andata, dove sono stata e i miei sfortunati acquisti. Ho cercato di non farlo troppo lungo (ci sarebbe da stare una giornata intera a parlarne) per darvi giusto i punti salienti, ma ne è uscito comunque un mezzo romanzo. E' però diviso per capitoletti, per cui se vi interessa il viaggio date un occhio ai primi 4, altrimenti per l'haul andate direttamente all'ultimo (o viceversa).



Partiamo con l'itinerario, che è stato costruito ad hoc per conciliare una visita abbastanza completa delle Highlands con il poco tempo a disposizione (4 giorni pieni, compreso il viaggio).
L'itinerario è stato più o meno quello segnato nella mappina a destra.
Inizialmente l'idea era di prendere la macchina per avere la libertà di scegliere dove andare e quando fermarsi, ma essendo solo in due, io e una mia amica, senza mai aver provato la guida a destra abbiamo convenuto che non ci conveniva nè in termini di budget nè di stress derivante dalla guida al contrario. Abbiamo quindi optato per un misto tra spostamenti autonomi e tour organizzati.



Day 1: Edinburgh

Il primo giorno siamo partite di buonora con volo diretto per Edimburgo, arrivando nel primo pomeriggio. L'aeroporto è a una quindicina di minuti dal centro e c'è una comodissima navetta che porta direttamente a Waverley Station, in pieno centro (ma ci sono anche altre fermate intermedie nel caso). Giusto il tempo di lasciare le borse in ostello e ci siamo date alla visita della città. Ad agosto ad Edimburgo c'è l'Edinburgh International Festival per cui è invasa da gente e mercatini e non c'era angolo della strada in cui non c'era qualcuno appostato per darci i volantini degli spettacoli previsti per la sera.
Royal Mile
Noi siamo state soprattutto nella parte vecchia della città, la cosiddetta Old Town, il cui centro è la Royal Mile che parte dal castello per arrivare all'Holyrood Palace. In questa stradina dal sapore antico leggermente in alto rispetto il resto della città si trovano negozi su negozi, bancarelle, artisti di strada e ristoranti ed è proprio un piacere passeggiarvi, nonostante la marea di gente. Cosa caratteristica è la serie di vicolini che si dipartono da questa via, i cosiddetti closes, molto carini e dall'animo romantico. Molto carino anche Grassmarket, forse l'angolo più colorato della Old Town, anche questa piena di negozietti, anche se un po' più raffinati di quelli di Royal Mile, ristoranti e pubs.
Sempre nel centro di Edinburgo è presente la Calton Hill, una sorta di collinetta da cui si può ammirare la città. È una porzione isolata e silenziosa della città, completamente diversa dal resto e immersa nel verde, un angolo di pace lontano dal caos cittadino. Qui si trovano il Dugald Stewart Monument, il National Monument of Scotland, il Nelson Monument e un osservatorio non più in uso se non come galleria.

Calton Hill
La sera siamo state fortunate e abbiamo pure assistito ai fuochi d'artificio che partivano dal castello per la presenza della Edinburgh Military Tattoo, una parata militare che avviene tutti gli anni ad Agosto appena fuori dal castello. Molto suggestivi.


Day 2: the Highlands

La mattina ci siamo svegliate presto per andare, dopo una colazione obbligata da Starbucks, a recuperare il pullman del tour che ci avrebbe portato a Inverness. Sia per questo che per il tour del giorno successivo ci siamo affidate a Highlander Experience, sia perchè le recensioni erano buone ma anche perchè ci permetteva di visitare quasi tutto quello che volevamo. Per questo giorno abbiamo scelto quello multilingue chiamato "Glen Coe, the Great Glen, Loch Ness and Inverness" (link qui), che nella mappina in alto vedete in rosa. Quindi in giornata era previsto di passare nella parte ovest delle Highlands fino a raggiungere Loch Ness e Inverness facendo ritorno a Edimburgo passando per il Cairngorms National Park. Noi, avendo in previsione poi di andare sull'Isola di Skye il giorno successivo, ci siamo fatte lasciare a Inverness.
La scelta di fare un tour devo dire che è stata abbastanza azzeccata vista la grande distanza percorsa. Il fatto che poi fosse un tour multilanguage ha fatto sì che ci spiegassero anche un po' di storia di quello che vedevamo oltre alle storielle che ci raccontava l'autista, una signora magra magra col kilt violetto. Tutto questo però ha comportato il dover attenersi ai tempi previsti dal tour e non poter scegliere quando fermarci per ammirare il paesaggio. Non che così ci siamo perse punti salienti, abbiamo visto tutto, però vi assicuro che mi sarei voluta fermare parecchie altre volte.

Il paesaggio è bellissimo e indescrivibile, neppure le foto rendono giustizia. Distese verdi (e che verde!) con colline ripidissime che spuntavano dalle valli, davvero mozzafiato. Glen Coe (Glen significa collina) è qualcosa di spettacolare. 


Bridge of Orchy

Glen Coe

Abbiamo avuto modo di vedere anche Loch Ness e di fare una crociera su questo lunghissimo lago da cui è possibile vedere il castello di Urquhart. Niente avvistamento del mostro, purtroppo. Il paesaggio lì cambia radicalmente: dal verde brillante si passa al grigio delle nuvole e al nero del lago, ma questo non significa meno fascino.

Loch Ness

Come ho detto prima, nel pomeriggio ci siamo fatte lasciate a Inverness, l'antica capitale delle Highlands. Piccola città posta sulla foce del fiume Ness con il fascino delle città del nord, i tetti delle chiese a punta e il castello , benchè "moderno" su di una collina.


Day 3: Isle of Skye

Il giorno successivo abbiamo preso un secondo tour, sempre appoggiandoci a Highland Experience chiamato "Eilean Donan Castle and the Isle of Skye" (qui il link del tour), che ci avrebbe portato, appunto, sull'Isola di Skye (il percorso è quello in blu della mappina sopra).
A differenza del giorno precedente, forse complice una minore distanza da percorrere o la simpatia della guida, ho apprezzato appieno il tour. Tante fermate in posti bellissimi, tempo per scattare foto e ammirare il paesaggio e viaggio per nulla noioso grazie alla guida, una signora inglese che faceva continuamente battute e ci ha raccontato l'intera storia della Scozia.
Siamo ripassati da Loch Ness, giusto per una rapida toccata e fuga, per poi avviarci verso l'Isola di Skye, ma non prima di aver salutato le hairy coo, le mucche pelose tipiche scozzesi. Che carine che sono, con la loro mega frangetta!
In una delle tante fermate abbiamo fatto tappa al Eilean Donan Castle, un bellissimo castello sul lago marino Loch Duich, inizialmente costruito nel 1200, ma poi distrutto e ricostruito nei primi del 1900. Bella anche la visita all'interno, nella coorte e nella piccola spiaggetta di sassi.

Eilean Donan Castle

Appena arrivati sull'isola di Skye abbiamo pranzato a Broadford e poi siamo partiti per il Villaggio di Elgol, costeggiando il Loch Slapin, dove abbiamo pucciato i piedi nelle gelide acque dell'Atlantico.
Nel tragitto hanno fatto ricomparsa le distese verdi e incontaminate che ci si immagina della Scozia, anche se non verdi come quelle viste a Glen Coe, un paesaggio incontaminato in cui era presenta un'unica strada (che percorrevamo) e qualche casa qua e là. Ah, e tante tante pecore!


Ritornando verso Inverness abbiamo poi preso una strada un po' più lunga molto molto panoramica che merita per i paesaggi e la pace che trasmette. La vista dall'alto poi è indescrivibile.




Day 4: Glasgow

Il quarto giorno abbiamo dovuto salutare questo piccolo paradiso verde per partire alla volta di Glasgow via treno (percorso in verde della mappina), dove abbiamo passato il pomeriggio prima di andare in aeroporto.
Prima di partire più di una persona mi aveva avvisato che non era una bellissima città, ma in realtà un certo fascino l'ha pure lei. È sicuramente diversa, molto, da Edimburgo, è più grigia sotto certi punti di vista, in stile più moderno e senza la controparte storica di Edimburgo che ti rapisce, però non l'ho trovata così brutta come mi avevano suggerito, almeno per quanto riguarda il centro. Ha l'aria di una classica città portuale, sta sul River Clyde, con case alte e vicine, ma anche dei bei palazzi in stile classico, che può piacere o no. La foto che vedete a destra l'ho scattata dal Lighthouse, letteralmente "faro", sede di varie mostre temporanee o permanenti, da cui è possibile avere una vista completa della città di Glasgow. Ammetto di non potervi dare qualche altra info in più su questa città, eravamo veramente distrutte dopo i tre giorni precedenti e, oltre che sederci nella George Square e fare un giretto per Buchanan Street e parallele (la zona dello shopping, piena piena di negozi), di più non abbiamo fatto.


Mini-haul

Ma passiamo un po' agli acquistini scozzesi. Come avrete intuito dal titolo non ho acquistato molto, giusto tre cosine, ma la cosa "simpatica" è che apparentemente avevo la nuvoletta di Fantozzi che mi faceva compagnia in ogni negozio. Innanzitutto volevo prendere qualche souvenir locale e avevo addocchiato dei bellissimi tonag tartan, che altro non sono che dei simil-poncho scozzesi. La mia idea era di prenderli a Glasgow, peccato che in questa città ci saranno tre negozi in croce che vendono cose scozzesi e in nessuno di questi ne ho trovato uno per cui valesse la pena spendere le mie ultime sterline rimaste. Per cui, da questo punto di vista, credo che ripiegherò al classico e vecchio shopping online!
Ma passando al settore beauty, devo dirvi subito che appena dietro la stazione degli autobus di Glasgow c'è un carinissimo negozietto monomarca Bare Minerals. Ammetto che è da un po' che stavo addocchiando il loro Bareskin, complice quell'allungatrice di wishlist Sue, per cui non mi sono fatta sfuggire una visitina, soprattutto per il fatto che in UK esistono colorazioni adatte alle pelli più chiare che qui non si vedono neanche con il binocolo. Dopo essermi fatta rifare la base viso con un po' di prodottini ho scartato definitivamente il Bareskin, la cui colorazione più chiara è comunque troppo gialla, per addocchiare il Complexion Rescue nella colorazione Opale. Tutta contenta mi spendo ben 26£ per il mio fondotinta nuovo e proseguo con lo shopping. Sfortuna vuole che una volta in aeroporto lo vedo a ben 21£, se pensate poi che in Italia è venduto a 28,90€ capite che non è stato un grande affarone. Vabbè, mi consolo pensando che la colorazione in Italia non c'è...
Sempre in centro a Glasgow, in un negozio simile a Boots, ho preso il mio primo vero pennello Real Technique (il mini-trio da viaggio non lo conterei come tale), scegliendone uno per gli occhi, visto che ne sono un po' a corto. Che bello poi vedere marche che in Italia non ci sono tipo Make Up Revolution e Boujois, ben ordinate sugli scaffali, che puoi swatchare e toccare con mano. Sembrava di essere tornata ai DM berlinesi. Non ho comunque preso altro perchè i prezzi non erano poi così convenienti, malefico cambio!
Infine, all'aeroporto di Dublino (prima non l'ho specificato ma il ritorno l'abbiamo fatto via Irlanda) potevo farmi sfuggire MAC? Certo che no! E alla buonora delle 4 di mattino (!!!) ero lì appostata allo stand. Dopo varie indecisioni (non sono ancora pronta per un vero rosso) ho optato per il mio secondo rossettino, On Hold. Bello, proprio bello, è un rosso ma non è un rosso, discreto ma che si fa notare, e molto democratico. Me lo son portata a casa per ben 16€. Sfortuna vuole, anche qui, che me l'abbiano addebitato due volte sulla carta... ma vabbè, in quel momento io ne ero ignara e ero felice per il mio piccolino (comunque tranquille, poi me li hanno riaccreditati). Nel frattempo ho anche dato un'occhiata allo stand Urban Decay e alla nuova Naked Smoked, ma devo dire che benchè abbia dei colori proprio belli, non credo la sfrutterei appieno. Sono stata lì lì per prendere la Naked Basics 2 (a circa 22€), ma sono rinsavita.

scusate le ditate sul Complexion Rescue, ma non vanno più via -_-'



Bene, dopo questa carrellata di foto di posti bellissimi è forse il caso di tirare le somme. Che dire, ho proprio apprezzato questo mini tour della Scozia, non c'è nulla che avrei cambiato. E' stato il giusto compromesso per avere una panoramica di tutto quello che ha da offrire questo posto magnifico. Sono comunque consapevole che ci sono ancora una marea di cose da vedere, tanto che conto già di tornarci, magari con più calma e spingendomi ancora più a Nord (e chissà, magari questa volta la macchina la prendo pure). Se prevedete un viaggio anche voi in quelle zone fate lo shopping da turista a Edimburgo, mentre quello cosmetico (ma anche vestiti) a Glasgow tenendo però conto che il cambio non conviene troppo. Per il resto, godetevi il panorama.
৲( ᵒ ૩ᵕ )৴♡*৹

20 commenti on "on the road #4-bis Dettagli sulla Scozia + mini sfortunato haul"
  1. Che bella la Scozia! E' uno dei miei paesi europei preferiti!
    Vogliamo parlare del vento ad Edimburgo? XD Gelido!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima sì! Per fortuna di vento non ce ne era tantissimo, ma si faceva sentire comunque XD

      Elimina
  2. Che bello il tuo post! Ho visitato la scozia 10 anni fa con i miei genitori per un totale di 10 giorni. Edimburgo rimane una delle città più belle che abbia mai visto. Anche il nord nord è qualcosa di spettacolare, mai visto dei tramonti così. Mi piacerebbe ritornarci per visitare l'isola di Skye e anche le Orcadi. Mi piacciono i tuoi acquisti:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora che ho avuto un assaggio della Scozia non vedo l'ora di tornarci e il nord sarà sicuramente la prossima meta :D

      Elimina
  3. Ho molta voglia di visitarla e il tuo post è una buona ispirazione :D Purtroppo quando si ha poco tempo, si balla sempre fra la voglia di veder tutto ma l'impossibilità di vedere tutto bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti questo era solo un modo per avere un'infarinatura generale, ora che ho visto che ne vale la pena tornerò per gustarmela al meglio ;)

      Elimina
  4. Anch'io vorrei fare un bel viaggetto, ma purtroppo il mio lavoro da commessa non me lo permette, orari da capogiro e praticamente mai ferie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che prima o poi riuscirai a ritagliarti una balla vacanzina ;-)

      Elimina
  5. Wow che bel viaggetto! E' tantissimo che vorrei visitare la Scozia, deve essere davvero meravigliosa ^__^

    RispondiElimina
  6. Che meraviglia le isole scozzesi! Sono uno dei sogni della mia vita, che spero di effettuare presto *__* begli acquistini comunque *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E le foto non rendono neanche perfettamente, sono ancora più belle!

      Elimina
  7. Che meraviglia! La scozia é uno di quei posti che voglio assolutamente visitare, incantevole!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, dai, sei già a metà strada tu, no? Ne approfitterei XD

      Elimina
  8. la Scozia è sempre stata nelle mie mete da vedere...chissà se il prossimo anno ci riuscirò o se rimanderò ancora?

    RispondiElimina
  9. Cavolo, questo post è un'illuminazione. Ho letto sempre e solo di viaggi lunghi - almeno quindici giorni! - per riuscire a visitare il nord della Scozia, non pensavo proprio che fosse possibile riuscire a vederne una bella parte in soli quattro giorni coi tour. Potrei farci un pensierino sul serio, magari non un viaggio di quattro giorni ma in una settimana posso farcela benissimo *___*
    Una mia amica tempo fa si è trasferita a Edimburgo e ho visto qualche foto della città grazie a lei, ma di Glasgow non sapevo proprio nulla. Effettivamente non sembra bellissima. Peccato. Inverness com'è invece? Ho sentito che non sono molto amichevoli coi turisti che vengono a cercare il mostro :) e con la lingua? Gli scozzesi sono un pò difficili da capire! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uuh grazie! Detto da te poi ha ancora più valore :)
      Con una settimana secondo me te la giri bene, meglio ancora se in parte te la fai automunita, se no ci sono tour anche di 2-3 giorni che, almeno per quello che ho visto io, permettono di vedere con calma ben più cose. Inverness è carina, ma non mi ha colpito troppo anche se è piacevole passeggiarci. Per quello che ho visto io non abbiamo avuto problemi cercando il mostro (XD), ma devo dire che non abbiamo avuto molto a che fare con i locali (e la città era piena di turisti), in compenso per la lingua non ho avuto problemi date le mille puntate che mi sono vista e rivista di Outlander X'D

      Elimina
  10. Mi ero persa questo post meraviglioso!! Quanto mi piacerebbe visitare la Scozia! Davvero bellissimi posti spero un giorno di riuscire ad andarci! *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so perché ma me lo immaginavo che la Scozia ti attirasse ^.^

      Elimina

Auto Post Signature

Auto Post  Signature