green cosmetics. beauty tips. more

TAG# Quanto conta l'INCI? vol.2

2 settembre 2015
Buondì!
Oggi partecipo ad un tag chiacchiericcio ideato dalla mia comare Cosmetic Mind molto molto molto carino a tema bio. Ma sbaglio o da quella testolina riccioluta escono sempre dei bellissimi tag o rubriche? Non so davvero come faccia!
Questo in particolare prevede ben 15 domande su come ci approcciamo al mondo del buon INCI, ma per i dettagli del caso rimando come sempre al suo post originale.



Partiamo subito và!

1. In che modo hai iniziato ad interessarti ai prodotti bio?

È nato tutto abbastanza gradualmente e in modo naturale. Dopo un periodo di particolare stress per i capelli (temevo davvero di diventare pelata!) ho cominciato a cercare qualche rimedio finendo sul famoso forum Capelli di Fata. Lì ho letto di siliconi e company, di impacchi e di hennè e ho quindi cominciato a fare i primi spignatti, dai semplici impacchi per capelli e balsami labbra a creme varie da regalare a parenti e amiche, per poi scendere verso il baratro degli acquisti compulsivi di prodotti bio che tutte noi conosciamo...


2. Qual è stato il tuo primo acquisto bio?

Eh, bella domanda con tutti quelli che ho preso finora non ricordo più... Quasi certamente era qualcosa per i capelli e penso sia stato proprio l'henné caldo de Le Erbe di Janas. Non è bio in senso stretto perchè non ha certificazioni e timbrini vari,  ma è 100% naturale. Sono però certa che il negozio da cui l'ho acquistato era lo store on-line Il Giardino di Arianna.


3. Qual è il tuo ultimo acquisto bio?

Giuro che non l'ho fatto apposta, ma anche il mio ultimo acquisto l'ho fatto da Il Giardino di Arianna! Ho preso un sacco di cosine carine e nuove da provare, ma non ve le svelo perchè vorrei farvi il consueto post haul.


4. Il prodotto bio di cui proprio non puoi fare a meno?

Uh aiuto, che domanda difficile... Ho un sacco di bei prodotti che non lascerò mai più... Mmmm, direi il Siero Purificante di Biofficina Toscana, o la Maschera Balsamica Ristrutturante o il Balsamo Volumizzante sempre di Biofficina o l'henné di Janas... scusate, non riesco a decidermi! 


5. Che rapporto hai con le marche da supermercato che si autoproclamano bio?

Se c'è una cosa che proprio non mi va giù è lo spacciarsi per qualcosa che non si è. Che sia una persona che si reputa esperta in un dato campo quando non sa neanche di cosa sta parlando o un'azienda che scrive bio in ogni dove quando non c'è neanche lontanamente vicino non fa differenza. Se un'azienda non biologica, che non è nemmeno attenta all'INCI, scrive "bioshampoo con vero bioolio munto da un biocavallo della steppa russa che mangia solo fieno biologico" solo per approfittare della moda del bio e vendere di più ai miei occhi di consumatrice un po' più attenta perde credibilità e non crederò neanche alla bontà di altri suoi prodotti che magari sono anche buoni. Davvero, preferisco un'azienda che si descrive per quello che è piuttosto che una che esagera con gli slogan e che si vende per qualcosa che non è.


6. Qual è la marca che hai bandito dal tuo bagno?

C'è da dire che non ho mai avuto marche preferite prima di approcciarmi al mondo bio e ora semplicemente non dedico loro particolare attenzione... Direi comunque nessuna, a priori non escludo mai nulla. Ho bandito certi tipi di prodotti, quello sì, ma brand in toto direi di no.


7. Quando di INCI ne sapevi poco o nulla, hai mai fatto qualcosa di cui ti sei pentita?

Pentita pentita direi di no, ma ho sempre avuto il pallino dei capelli per cui facevo spesso tinte di dubbia origine [ricordo ancora le mie bellissime punte nere quando ero teenager]. Nel periodo che poi ha scatenato il mio approccio al bio mi sono affidata ad una parrucchiera, e dire parrucchiera è fin troppo, per ravvivare il rosso e mi ha tinto i capelli a chiazze. Prima di poterli sistemare ho dovuto far scaricare il colore lavandomi i capelli tutti i giorni e usando persino il bicarbonato. Insomma li ho distrutti.


8. Quali sono i pregi e le soddisfazioni del passare ai prodotti bio?

Ce ne sono parecchi. In primis il fatto che funzionano. Per riprendere l'esempio dei capelli, ho sempre avuto tutto sommato dei bei capelli, ma da quando sono passata a prodotti dal buon INCI è stata tutta un'altra storia. Credo di non avere mai avuto i capelli così luminosi e morbidi, oltre al fatto che mi hanno sistemato l'ovvove che vi dicevo sopra. Altro fatto superpositivo è la consapevolezza di prendersi cura di sè, di informarsi, di dedicare tempo ed energie per sé stesse. Può sembrare una sottigliezza, ma secondo me questo "dover" badare all'INCI e scegliere solo i prodotti "migliori" per se stesse fa aumentare di parecchio la propria autostima, o almeno, con me è stato così.


9. Hai mai spignattato?

Si, come vi dicevo prima ho praticamente cominciato con lo spignatto, dai semplici impacchi per capelli o maschere, a creme vere e proprie per corpo e viso. Fin da quando ho scoperto questo mondo mi è sempre piaciuta l'idea di modellare i cosmetici in modo che avessero tutti gli attivi che servivano a me e, nascendo come chimico, mi veniva anche abbastanza semplice capire le cose, oltre ad avere già la manualità. Col passare del tempo ho però abbandonato la cosa e ormai non spignatto praticamente più. Il problema principale è la mancanza di tempo, spignattarsi quasi tutto richiede parecchio studio e prove; non è seguire la semplice ricettina trovata su internet o vista in qualche video (nonostante si cominci così ovviamente), ma bisogna conoscere a fondo ogni ingrediente e saper creare il giusto composto e questo, a mio avviso, richiede tempo e impegno che io purtroppo non ho. Poi c'è da dire che anche economicamente non è così vantaggioso, almeno per chi si fa le cose solo per sè. È vero che i singoli ingredienti costano decisamente meno ma alla fine, se non si ha un giro di spaccio cremine non vengono usati tutti entro la scadenza e non c'è chissà che guadagno.


10. Controlli sempre l'INCI dei prodotti che acquisti? Prima o dopo averli acquistati?

In generale do un'occhiata rapida rapida all'INCI per vedere se c'è qualcosa che proprio balza all'occhio e nel caso lascio perdere il prodotto, ma lo sguardo attento lo do quando arrivo a casa e ho più tempo. Ultimamente però questo lo faccio meno spesso per il semplice fatto che mi affido ad aziende certificate e negozi che so già che trattano solo prodotti di un certo tipo.


11. Sei disposta a pagare di più per un prodotto bio? E perché?

Inizialmente pensavo che spendere 9-10€ per uno shampoo fosse una follia e mai avrei pensato di puntare addirittura creme a prezzi più alti. Entrando più dentro nell'argomento e vedendo che i prodotti funzionano e se ne usano meno in termini di quantità per applicazione ci si rende conto che non si spende poi molto di più. C'è poi da dire che ormai ci sono parecchie alternative che permettono di avere dei buoni INCI a prezzi paragonabili a quelli dei più famosi brand da supermercato. 


12. Credi che questa del bio sia una moda passeggera o che le cose possano davvero cambiare?

Ora come ora la vedo come una moda (sia per quanto riguarda il cibo che la cosmesi), quanta gente dice "prendo solo cose bio" o fa la guerra contro certi ingredienti (vogliamo parlare dell'olio di palma?) senza neppure sapere il perché, solo perché l'amico dell'amico dice così o perché lo diceva quella lì su YouTube. C'è però da dire che è una moda positiva, nel senso che è meglio un trend di questo tipo che, non so, la moda del "no al riciclo!". Inoltre, il fatto che adesso se ne parli sempre di più può far avvicinare persone che magari prima non conoscevano o non avevano modo di approfondire questo argomento e per queste persone sì che non sarà una moda passeggera. Il fatto poi che sempre più aziende "comuni" cavalcando l'onda di questa moda del bio creino la loro linea verde, beh, tanto di guadagnato. 


13. Influenzi famigliari o amici nell'acquisto di prodotti bio?

Si e no. Il maritino sa di questa mia passione per cui si affida completamente a quello che gli propongo, oltre al fatto che facendo io la spesa settimanale decido io cosa acquistare *uahahahah*. Con parenti e amici penso sempre a regalare prodotti che reputo validi e in genere apprezzano. Non sono però una che dà consigli senza che gli vengano richiesti; se una mia amica, come è successo, mi chiede un consiglio su uno shampoo delicato o una crema viso sono già il giorno dopo da lei con campioncini su campioncini però, ecco, non mi piace iniziare il discorso senza che l'interesse parta dell'altra persona.


14. La tua scelta bio si estende anche al make up?

Sì e no, anche qui. In genere tendo a preferire prodotti dal buon INCI per quanto riguarda la base viso, essendo prodotti che stanno a contatto con la pelle, idealmente, tutto il giorno. Per cui fondotinta e cipria tendo a sceglierli dal buon INCI e lasciare quelli classici solo per certe occasioni. Al correttore ci sto lavorando, non ne ho ancora trovato uno buono che sia anche duraturo. Per quanto riguarda il resto del make-up non ci bado troppo, ho quindi parecchi ombretti di Neve Cosmetics, ma non disdegno brand come Urban Decay, Benefit e altri.


15. Cosa vorresti trovare nella tua bioprofumeria ideale? 

Se dovessi pensare in grande la mia bioprofumeria ideale dovrebbe avere TUTTI i brand possibili e immaginabili da poter tastare con mano, ma, rimanendo con i piedi per terra, mi sarebbe sufficiente una sezione ben fornita [molto fornita!] per pelli chiarissime, non avete idea di quanto sia difficile trovare prodotti adatti a pelli veramente chiare nel mondo bio.


Bene, dopo queste 15 domande e annesse interminabili risposte è il caso di taggare qualche balda donzella o giovanotto, non che sia obbligatorio, ma facciamolo girare un po' questo bel tag. Vediamo un po': Pier(ef)fect, Camilla The Deathberry e Chiara GoldenVi0let, sono curiosa di sapere le vostre risposte! Ovviamente, se qualcun altro volesse partecipare è il benvenuto!
৲( ᵒ ૩ᵕ )৴♡*৹
10 commenti on "TAG# Quanto conta l'INCI? vol.2"
  1. "Secondo me questo "dover" badare all'INCI e scegliere solo i prodotti "migliori" per se stesse fa aumentare di parecchio la propria autostima"... verità assoluta. Brava *_*
    A quanto pare in molte ci siamo avvicinate al mondo bio grazie all'henné <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che l'hennè abbia avvicinato al bio praticamente tutte le rosse che seguo, ahahah! XD

      Elimina
  2. "bioshampoo con vero bioolio munto da un biocavallo della steppa russa che mangia solo fieno biologico" questa frase mi ha ucciso XD

    Grazie mille del tag, lo avevo visto da Sue (è geniale davvero, piena di idee) e volevo farlo! Sto già scrivendolo perché lo ritengo super interessante! In certe cose la pensiamo allo stesso modo, come il fatto che sia una moda, ma una moda positiva!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo! Allora attendo le tue risposte ;D

      Elimina
  3. belle risposte :) il bio shampoo con vero olio munto da un bloccavano ha ucciso anche me :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ero particolarmente ispirata quando ho scritto quella frase XD

      Elimina
  4. "bioshampoo con vero bioolio munto da un biocavallo della steppa russa che mangia solo fieno biologico" mi aggrego a pier(ef)fect, sto ancora ridendo xD
    TAG davvero interessante, probabilmente parteciperò anche io. Condivido alcuni tuoi pensieri. La profumeria ideale? sarebbe come ecco verde, grande e piena di prodotti tutti da poter toccare con mano e con commesse super preparate e gentili che ti regalano tanti campioncini a provare xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Effettivamente EccoVerde fisico sarebbe proprio un bel negozietto e probabilmente ci passerei le mie giornate.... meglio che non esista allora, almeno ho un filtro che mi evita di sperperare tutti i miei averi XD

      Elimina
  5. Shaaame on me! Mi ero riproposta di leggerlo con calmina quando avrei avuto tempo e mi riduco a tre giorni dalla pubblicazione. Questa settimana mi sta DIVORANDO. Ma torniamo alle tue risposte. La roba sullo bioshampoo con bioolio mi ha catapultata dalla sedia, sei fuori di testa amica mia! :'D
    Per tutto il resto c'è mastercard... No scherzo, concordo su tutto a grandi linee, hai ragionissima sulla 'moda positiva', molto meglio che sia una moda ma che apporti seriamente dei benefici, che una inutile al mondo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tranquilla Sue, il blog è sempre qui che ti aspetta ^3^
      Spero non ti sia fatta male a cadere dalla sedia! X'D

      Elimina

Auto Post Signature

Auto Post  Signature