green cosmetics. beauty tips. more

(bi)review#36 spray solare spf 50 + fluido doposole rinfrescante - Acorelle

25 settembre 2016
Lo so lo so, siamo alle porte dell'autunno e io di cosa vi parlo? Di creme solari e doposole, ovviamente! Il mio tempismo è quel tantino fuori luogo, ma che vi devo dire, a me piace andare in vacanza a Settembre. E chissà, questa review può tornare sempre utile in vista della scelta dei solari per l'anno prossimo o per le più fortunate tra di voi che partiranno per destinazioni più o meno esotiche (vi sto guardando con gli occhi a fessura, sappiatelo).
Questa estate, per evitare di diventare color gamberettino, mi sono affidata ad Acorelle, nello specifico allo spray solare con spf 50 e al fluido doposole rinfrescante, gentilmente ricevuti da LauBeauty. A giugno avevo già fatto un post di prime impressioni sulla crema solare (click!), ma avendola usato in modo abbastanza intensivo ho preferito scriverne un post di aggiornamento includendo anche il doposole. Per i dettagli generali vi consiglio di leggere però il post precedente.
Vi ricordo che il mio fototipo di pelle è il numero 1, ho la pelle chiarissima che si scotta a guardarla, per cui premetto che ho bisogno di prodotti che garantiscono una protezione molto alta e che siano molto lenitivi.



Spray Solare spf 50

Partiamo dallo spray. È una crema solare a base di filtri fisici, nello specifico contiene il diossido di titanio, che agiscono proprio come schermo fisico "impedendo" ai raggi UV di arrivare alla pelle. L'spf dichiarato è di 50, il che lo rende adatto alle pelli più chiare e delicate.

L'INCI è il seguente (per disquisizioni varie sull'INCI date un occhio al post di prime impressioni):
Dicaprylyl CarbonateCaprylic/Capric Triglyceride, Titanium DioxideArgania Spinosa (Argan) Kernel Oil*, Aluminum Hydroxide, Stearic Acid, Polyglyceryl-3 Diisostearate, Oleyl Alcohol, Zanthoxylum Alatum Fruit Extract, Helianthus Annus Hybrid Oil*, Olea Europaea (Olive) Fruit Oil*, Propolis Extract*, Pollen Extract*
*ingrediente organico certificato
Per la classificazione in verde-giallo-rosso dell'INCI mi sono affidata e in-gredients e biodizionario
 
Il PAO è di 12 mesi ed è certificato Cosmebio ed EcoCert.

Le varie aziende di cosmesi biologica hanno fatto passi da gigante per migliorare le texture delle creme di questo tipo ed effettivamente siamo lontani da quei pastoni bianchi a cui mi dovevo affidare quando ero più piccola. Però, almeno in questo caso, parlando di texture, non siamo ancora ai livelli di creme a base di filtri chimici, benché ci stiamo avvicinando. Mi spiego meglio. Come accennavo nel post di prime impressioni, la consistenza è quella di una crema media, leggera ma comunque ferma non liquida che si lascia spalmare facilmente. La texture mentre la si spalma è veramente setosa e leggera, è una di quelle creme che anche se anche non riuscite a sciacquarvi immediatamente le mani non dà poi quel gran fastidio. Questa la rende perfetta per il viso, dove, a differenza di quello che pensavo inizialmente, non appare per nulla pesante e anzi può essere utilizzata anche sotto un po' di trucco, come io facevo ogni tanto. Nel caso di grandi aree, quali gambe e busto, invece non viene assorbita completamente, ma rimane uno strato, seppur leggero, che sbianca pure un pochino, diciamo che vi rimane una patina perlescente che su di me che sono cadaverica non si nota tantissimo, ma su pelli magari un po' più scure potrebbe non piacere. Niente di grave, ma questo fa sì che purtroppo macchi eventuali vestiti e borse. Finché uno se ne sta spaparanzato in spiaggia come un tricheco, al massimo si sporca il costumino e via, niente che un bel bagno non possa sistemare, ma come nel mio caso che ho fatto una scampagnata in bici (con pantaloncini, canotta e zainetto) purtroppo ho dovuto tribolare anche perché non sempre si ha a disposizione una lavatrice a cui approggiarsi. Lo zaino, si era sporcato soprattutto all'altezza delle bretelle e ho dovuto strofinare non poco per sistemarlo. Niente di insormontabile, tornando a casa ho potuto pulire tutto per bene, però diciamo che è una cosa che mi ha lasciato un po' perplessa. 
Un'altra cosa che ho notato è che col passare delle ore e sudando nelle zone come l'incavo del gomito o delle ginocchia, dove insomma ci sono solchi nella pelle abbastanza profondi, si accumulava parecchia crema creando una antiestetica striscia bianca.

Dal punto di vista della protezione invece non ho proprio nulla di cui lamentarmi. Ero un po' ossessivo-compulsiva perché avevo paura di dimenticarmi degli angolini e quindi di bruciarmi, ma così non è stato, eccetto imbarazzanti punti tipo appena sotto i pantaloncini dove, da pischella e temeraria, non avevo messo la crema se non dopo due ore di camminata e ho raggiunto un bel colorito rosino. Ha resistito inoltre molto bene a bagni e sudate varie, non rimettevo quasi ma hai la crema e non mi sono comunque bruciata.

Il packaging, come dicevo nel precedente post, è a tubetto da 100mL. Pensavo che non mi sarebbe stata sufficiente per una settimana al mare, ma così non è stato, anzi, il fatto che non superi il limite permesso per il bagaglio a mano è sicuramente un punto a suo favore. L'erogatore a spray l'ho trovato abbastanza superfluo perchè la crema deve essere comunque spalmata, mentre la forma allungata ma "piatta" del tubetto fa sì che occupi poco spazio in borsa e si presti ad essere portata ovunque.



Fluido Doposole  Rinfrescante

Passiamo ora al doposole di cui, invece, non vi avevo praticamente parlato.
Diversamente dalla crema solare, la consistenza è molto più liquida benchè non liquidissima, ma sufficientemente per far sì che una volta messa sulla mano coli facilmente. Questo tipo di consistenza non è tra le mie preferite per un doposole, in genere prediligo prodotti molto grassi e densi proprio per avere un'azione urto più importante. Nonostante ciò l'ho usato comunque con piacere proprio perché essendo abbastanza liquido è adatto per coprire grandi superfici che sono magari un po' arrossate ma non bruciate, come possono essere gambe e busto. L'ho trovato infatti perfetto da usare dopo la doccia, da spalmare su tutto il corpo. L'assorbimento è abbastanza rapido però si presta ad essere massaggiato comunque per qualche minuto, lasciando la pelle morbida, non unta o appiccicosa. Per darvi l'idea, mi ricorda molto le creme corpo di Biofficina Toscana, la consistenza è molto simile.

Questo è l'INCI:
Aqua (Water), Mentha Piperita (Peppermint) Water*, Glycerin, Cetearyl Alcohol, Dicaprylyl Carbonate, Caprylic/Capric Triglyceride, Octyldodecanol, Polyglyceryl-2 Dipolyhydroxystearate, Lauryl Glucoside, Polyglyceryl-3 Polyricinoleate, Sorbitan Isostearate, Parfum (Fragrance), Benzyl Alcohol, Cocos Nucifera (Coconut) Oil, Gardenia Tahitensis Flower, Xanthan Gum, Helianthus Annus Hybrid Oil*, Olea Europaea (Olive) Fruit Oil*, Tocopherol, Helianthus Annuus (Sunflower) Seed Oil, Dehydroacetic Acid, Propolis Extract*, Biosaccharide Gum-2, Citric Acid, Potassium Sorbate, Sodium Benzoate, Pollen Extract*, Benzyl Benzoate, Benzyl Salicylate, Eugenol, Farnesol, Limonene, Linalool.
*ingrediente organico certificato
Per la classificazione in verde-giallo-rosso dell'INCI mi sono affidata e in-gredients e biotiful

I principali ingredienti sono l'acqua di menta piperita, ricca di mentolo e dall'effetto rinfrescante, e una serie di sostanze nutrienti e idratanti, come l'olio di cocco, di oliva e di semi di girasole e fiori di tiaré. Da notare la presenza, come nella crema solare, di estratto di polline e propolis, utili in diversi casi di malattie della pelle.
Il PAO è di 12 mesi ed è certificato Cosmebio ed EcoCert.

L'azione lenitiva c'è, ma non è tra le più potenti che abbia mai provato, anzi per le zone in cui avevo preso una bella scottatura (aka, dove mi sono scordata di passare la crema solare) ho dovuto usare qualcosa di molto più forte (un campioncino della crema cambio pannolino di Alkemilla). Io sono infatti abituata a creme che mi facciano sparire nel giro di uno/due giorni completamente il rossore, proprio perché tendo a bruciarmi parecchio. Questa crema non ha un'azione così potente, non vi ritroverete di nuovo bianche nel giro di una notte, ma lenisce delicatamente e mi è sembrato che, cosa molto positiva, in questo modo aiuti a raggiungere una buona abbronzatura, trasformando il rossore in colore. Nel mio caso che non mi abbronzo e non accenno minimamente a una punta di dorato neanche per sbaglio, questa proprietà è un po' fine a se stessa, nel senso che ha come uniformato il colore facendo sparire la bruciatura ma mantenendo comunque un rosa umano e non facendomi tornare subito bianca. Nel caso di pelli più "normali" (il maritino ha fatto da cavia) ho invece notato come abbia proprio aiutato a ottenere un bel colore uniforme e dorato e trovo questa cosa molto positiva soprattutto per chi non vuole far andare via quel poco di abbronzatura che è riuscito a guadagnare. L'effetto rinfrescante ammetto che non l'ho sentito particolarmente, un pochino forse, ma niente di esagerato.
Il profumo è dolce, ma non stucchevole, con una leggera nota di monoi. L'ho trovato molto piacevole e adatto alla sera anche come coccola olfattiva.

A differenza della crema solare, il packaging non è a spray, ma è il classico tubetto in plastica conico con bocca larga e apertura a scatto, da 150mL. Superando i 100mL, ho quindi dovuto travasarlo in contenitori più piccini per portarlo con me. In due persone per una settimana sono stati comunque sufficienti meno di 75mL.




Concludendo, sono sicuramente dei buoni prodotti ma non perfetti, entrambi hanno sia lati positivi che negativi. La crema solare mi ha garantito un'ottima protezione dalle scottature e, soprattutto, efficace durante tutto il giorno. Solo per questo meriterebbe l'acquisto da parte di chi non vuole affidarsi a filtri chimici. Inoltre, l'ho trovata perfetta per il viso. Di contro, il fatto che sul corpo non venga assorbita appieno fa sì che in certe condizioni possa sporcare vestiti e borse.
Il doposole ha un profumo molto buono e si presta all'uso quotidiano post-doccia, ma per scottature importanti non lo reputo sufficiente, almeno per il mio tipo di pelle. Aiuta però a mantenere l'abbronzatura e ad uniformarla, il che è un ottimo lato positivo.
Il prezzo è di circa 23€ per la crema solare e 15€ per il doposole e sono facilmente reperibili in diversi e-store che trattano cosmesi biologica. Giusto per la cronaca, se dovesse interessarvi e siete tra le fortunelle che andranno in vacanza a breve, trovate la crema scontata del 30% proprio in questi giorni da LauBeauty. Vi ricordo anche lo sconticino del 10% che abbiamo proprio su questo store con una spesa minima di 29€ (codice: REDDITUDE).

E dopo questo ultimo ricordo estivo, sono pronta per buttarmi a capofitto nell'autunno! Voi, invece, siete pronte? Come affronterete la stagione appena cominciata?
 (⺣◡⺣)♡*

4 commenti on "(bi)review#36 spray solare spf 50 + fluido doposole rinfrescante - Acorelle "
  1. E' una vita che desidero provare i solari di Acorelle. Prima o poi dovrò farlo, anche solo per togliermi la curiosità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quante cose proviamo spinte solo dalla curiosità! Non ci fermiamo mai! XD

      Elimina
  2. Anch'io ho provato Acorelle per questa estate e non mi è dispiaciuta :) però anch'io mi sono accorta che il telo mare era tutto zozzino poi :S

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato per questo "inconveniente" perché per il resto mi è piaciuta molto :/

      Elimina

Auto Post Signature

Auto Post  Signature