green cosmetics. beauty tips. more

Cherrywannabe #3 Henné Rosso Mogano - Salus in Erbis

6 novembre 2016
Buongiorno! In una giornata uggiosa e grigia come solo Novembre è capace di regalarci, rieccomi di ritorno con un nuovo appuntamento della rubrica su erbe, tinte e chi più ne ha più ne metta per colorare la propria chioma color ciliegia. Oggi parleremo di un brand non famosissimo ma che recentemente si è fatto conoscere per le sue miscele e per il suo henné dal potere tintorio strabiliante. Sto parlando di Salus In Erbis e del suo hennè Rosso Mogano.




Piccola precisazione. Circa tre settimane prima di provare questo prodotto avevo utilizzato una tinta della BioKap (Nutricolor) rosso prugna. Lo so, cosa c'entra con la ciliegia? Niente è che era da un po' che meditavo di farmi un po' più scura e quel giorno, fai l'umore a terra e il periodo un po' così, sono andata di corsa al Naturasì, l'ho comprata e fatto questa piccola pazzia nel giro di due ore. Per cui, tenete conto che partivo da una base leggermente più scura rispetto al classico rosso henné caldo, ma niente di troppo diverso dal solito visto che era già sbiadita parecchio e la componente prugna era praticamente sparita.

Tornando al nostro hennè, il Rosso Mogano di Salus In Erbis non è composto solo da Lawsonia Inermis, ma è una miscela di diverse erbe dal potere più o meno colorante: 
Lawsonia Inermis Extract, Eclipta Prostrata Extract, Centella Asiatica Extract, Terminalia Chebula Extract, Terminalia Belerica Extract, Kaolin

Che nell'ordine sono: Hennè, Bhringraj (previene la caduta dei capelli e ne favorisce la crescita, sui capelli chiari tende a scurire), Centella asiatica (anche essa aiuta a prevenire la caduta dei capelli), Haritaki e Bibhitaki (che insieme all'amla costituiscono il Triphala, utilizzato nella medicina ayurvedica e che tra le varie cose aiuta a rafforzare i capelli), argilla bianca (con effetto normalizzante per capelli grassi).

Le istruzioni d'uso sono abbastanza classiche: si aggiunge acqua calda alla polvere (nello specifico è indicato 280mL ogni 100g, ma io ammetto sono andata ad occhio), si mischia per ottenere una miscela morbida che va poi spalmata sulla capigliatura e tenuta in posa per due o tre ore. E' buona pratica far ossidare qualche ora l'henné prima di utilizzarlo, in questo caso non essendo specificato e avendo letto che colora comunque tantissimo l'ho utilizzato "a fresco". A scelta si può aggiungere un infuso o altre sostanze di vario tipo per favorire una certa sfumatura, io ho preferito non aggiungere niente per vedere l'effetto di questa miscela senza altre influenze. E' indicato di stenderlo su capelli appena lavati e umidi. Io non amo rimanere con i capelli umidi per troppe ore, per cui l'ho applicato sui capelli asciutti e non particolarmente puliti.

La polvere, contenuta in un sacchetto di plastica a sua volta posto in un sacchetto di simil-alluminio, è di un colore meno verde rispetto al solito, ma più tendente al rosso mattone, non sabbiosa ma che tende a fare qualche grumo all'inizio quando si aggiunge acqua, per cui bisogna trovare la giusta quantità d'acqua e mescolare per bene per ottenere una miscela bella morbida. Il composto che si ottiene, invece di essere la classica miscela verde tendente al marrone caldo scuro, tende proprio al mattone con spiccati toni arancione. Ammetto che questa cosa mi ha fatto temere che potesse uscire uno rosso caldo ramato color pentola per la polenta, cosa che ho pensato fino all'asciugatura. 

La pappetta si stende molto bene essendo molto morbida e non cola se avete dosato per bene l'acqua. L'unica cosa, vi consiglio altamente di stare molto attenti che non vi finisca sulla pelle perché colora tantissimo e se non sciacquate subito, e con subito intendi immediatamente (già un minuto è troppo), vi ritrovate con delle antiestetiche chiazze arancioni. Io, che non sono proprio l'emblema dell'attenzione mi sono ritrovata macchie random su fronte, orecchie e braccia. La cosa assurda è che anche durante il risciacquo bisogna stare attenti, io che in genere in questa fase non uso i guanti avevo i palmi gialli!  In compenso vasca e lavandino sono venuti puliti in un attimo.
Per il resto, l'applicazione è decisamente semplice. Per i miei capelli che sono abbastanza fini e lunghi fino a un quarto di schiena è stata sufficiente una confezione da 100 g.


Dopo aver tenuto in testa la pappetta per 3 ore sono passata al risciacquo. Che è durato tantissimo. Il grosso della polvere in realtà va via abbastanza facilmente, quello che però mi ha fatto andare avanti a risciacquare è il fatto che l'acqua non veniva mai limpida, ma sempre comunque arancione, anche dopo quasi 20 minuti che ero lì a testa in giù nella vasca. Anche dopo una passata di shampoo delicato (come suggerito dalle istruzioni) e di balsamo continuava a uscire acqua colorata, per cui, ad un certo punto ho ceduto, ho preso una salvietta scura e ho asciugato capelli. Tralascerei il fatto che non avendoli asciugati perfettamente ho macchiato pure il mio bel pigiamino rosa. Per fortuna non è rimasto macchiato, come pure la salvietta, e una normale lavatrice ha sistemato tutto.

Il colore che ne è venuto fuori era un rosso potentissimo che aveva coperto e uniformato anche lo strato un po' più scuro che avevo ottenuto con la tinta precedente. Un rosso rubino brillante, molto intenso, parecchio freddo, pieno e ricco di riflessi. Per usare un'unica parola, bellissimo. Questo al chiuso. Esposto al sole il rosso esplode sovrastando la componente più moganosa e boom! Essenzialmente passo da un rosso scuro freddo e quasi violaceo/fucsia al chiuso a un rosso brillante al sole. Avevo letto del suo altissimo potere colorante, ma non mi aspettavo qualcosa del genere e non posso che confermarlo.
Ovviamente, dove avevo la ricrescita (nel mio caso più chiara) il colore è leggermente più chiaro e rosso, come è tipico di ogni hennè andandosi ad aggiungere al colore sottostante dei capelli, ma rimane comunque ben uniforme e non c'è uno stacco netto.


Nei lavaggi successivi non ha perso di intensità, benché abbia continuato a perdere apparentemente colore durante il lavaggio (pensate che fino al quarto lavaggio sono dovuta stare attenta a non usare salviette bianche), si è forse persa leggermente la componente fredda brillante, ma direi che è quasi impercettibile e solo dopo almeno 6 lavaggi (sono a quota sette).


Facendo il punto, i pregi di questo henné sono sicuramente il potere colorante, la facilità di stesura e il colore rosso pieno e freddo. Io ho raggiunto quel ciliegia che cercavo da tempo. Di negativo ha però il fatto che proprio per il potere colorante che ha macchia l'impossibile e necessità di una certa attenzione in più rispetto ad altre polveri.
Il prezzo è il linea con altri henné essendo sui 6€ per 100g, il problema è che pare sia fuori produzione e, a meno che Salus in Erbis non trovi un'alternativa al suo fornitore, la vedo molto dura acquistarlo. Della serie #maiunagioia. Se però siete incuriosite dal brand ma preferite un altro tipo di risultato, sappiate che ci sono una serie di miscele (andate meno a ruba e ancora disponibili) che spaziano dal castano chiaro alla più classica contenente solo Lawsonia. Potete trovarle o nel loro sito ufficiale (qui), ma anche da Tathia o amazon/eBay.

Che ne pensate del risultato? Avete già provato qualcuna di queste miscele?
(⺣◡⺣)♡*

13 commenti on "Cherrywannabe #3 Henné Rosso Mogano - Salus in Erbis"
  1. Acciderboli! :D
    Bellissimo colore *_* io non sono particolarmente incuriosita da queste miscele perché, in fondo, con quello che uso ho un bel colore vivo e anche particolarmente duraturo nel tempo ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il colore è proprio bellino, lo avrei usato ancora ma visto che non è più in produzione tornerò al mio classico delle erbe di Janas, che pure lui fa la sua bella figura ^.^

      Elimina
    2. Il colore è proprio bellino, si sì! Lo avrei usato ancora qualche volta, ma non essendoci più tornerò felicemente alle mie erbette di Janas, che pure il suo hennè è ottimo ^.^

      Elimina
  2. No vabbè, INNAMORATA. Ma che colore stupendo ti è uscito?!! E' bellissimo davvero, poi sui tuoi capelli già belli fa un figurone. Tra l'altro se non ti conoscessi penserei ad una tinta chimica, perchè ti ha tirato fuori un mix di rosso freddo-viola proprio acceso! Ho saputo che è uscito fuori produzione e mi dispiace tantissimo, io non l'ho mai provato, ma sembra sia un hennè davvero eccezionale :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo periodo era proprio un fanale XD
      Peccato davvero che sia fuori produzione, l'avresti apprezzati pure tu secondo me..

      Elimina
  3. Trovo splendido il colore che hai ottenuto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Dal vivo è pure più bello XD

      Elimina
  4. Effettivamente sembra quasi finto, bello! Assomiglia vagamente al colore di capelli che Mary Jane (aka Kirsten Dunst) aveva nel primo Spiderman (con Tobey Maguire).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, è un po' sparafleshoso! Soprattutto se pensi che partivo da una base comunque un po' scuretta XD

      Elimina
  5. No ma io piango... Non mi puoi scrivere un post del genere e poi dire che è fuori produzione... Questo è il colore che sogno da sempre e che con l'hennè di Janas non ottengo nemmeno da lontano ç___ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh hai ragione! Infatti ero indecisa se farla o no la recensione...
      Comunque leggevo che aggiungere il bicarbonato all'hennè dovrebbe aiutare a far uscire colori di questo tipo, non ho ancora provato ma se funge ne farò ovviamente un post :D

      Elimina
  6. Ok... a questo punto c'è solo una domanda da fare... per avere un colore e una rese quanto più simile a questa... cosa possiamo usare? Io uso Khadì Hennè a Amla, ma all'interno ha anche ossido di ferro e volevo qualcosa di naturale al 100%. Cosa suggerite?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo con l'henné bisogna sperimentare e sperimentare. Ad una mia amica ho suggerito di aggiungere un po' di Indigo per raffreddare e scurire il rosso del l'henné e ci si è trovata bene. Fare impacchi lunghi lunghi e magari congelare/scongelare la "pappetta" aiuta a raffreddare. Io gli hennè Khadi li ho sempre trovati un po' caldi come rosso, puoi provare il Janas freddo che è un pelino più scuro ;-)

      Elimina

Auto Post Signature

Auto Post  Signature