green cosmetics. beauty tips. more

my beauty routine #3 Haircare

23 aprile 2017
Finalmente, dopo eoni ed eoni, si torna a parlare di capelli su questi lidi. Era da un po' che volevo farvi vedere che prodotti uso per la cura dei miei capelli, ma ho preferito rodare per bene questa routine prima di descrivervela per filo e per segno. Va detto che tendo comunque a variare molto i prodotti sia perché mi piace provare sempre qualcosa di nuovo e di diverso ma anche perchè i miei capelli tendono ad "abituarsi". La tipologia di prodotti però rimane quella che andrò a descrivevi eccetto per alcuni che reputo insostituibili e che saranno per forza di cose citati in questo post.



Ma come sono i miei capelli? Mediamente fini, non finissimi, naturalmente mossi. Nonostante ciò e nonostante la lunghezza (arrivano a quasi metà schiena) non tendono comunque a fare troppi nodi. Sono secchi, molto secchi, sia a livello della cute che delle punte, il che mi porta a soffrire spesso di una sorta di forfora secca. Di positivo, questa secchezza fa sì che possa abbondare con prodotti nutrienti anche a livello della cute senza risentirne in termini di capelli appesantiti.


Pre-shampoo I: spazzola

Ho la fortuna di avere i capelli che non creano nodi particolarmente grossi o duri, per cui non li pettino quotidianamente ma solo prima di lavarli, da asciutti. Ho trovato ormai un'ottima alleata nella Tangle Teezer, spazzola in plastica con dentini di diverse altezze e durezza che facilita la rimozione dei nodi senza strappare eccessivamente i capelli. L'ultima arrivata è la The Ultimate dai dentini ancora più lunghi e dotata di manico, il che la rende comodissima. Ce ne sono di diversi tipi, adatte alle diverse tipologie di capelli, io però suggerisco di utilizzare o questa o la Thick and Curly anche se non avete i capelli mossi/ricci perché avendo dei dentini più lunghi e resistenti a mio avviso funzionano meglio.


Pre-shampoo II: maschere/impacchi nutrienti e ristrutturanti

Con gli anni ho imparato che la fase pre-shampoo è quella più importante, quella su cui faccio più attenzione. È questo infatti il momento in cui posso abbondare con prodotti nutrienti, idratanti e ricchi con la certezza che poi laverò via tutto con una passata di shampoo.
L'ideale sarebbe fare un impacco a base oleosa e magari con qualche erbetta (per questo scopo adoro l'olio di cocco e l'amla: capelli ipermorbidi e lucentezza garantita) e tenerlo in testa almeno due ore, ma non sempre è possibile avere tutto questo tempo a disposizione, per cui delle valide sostitute sono le maschere già pronte. Nel mio caso, che ho bisogno soprattutto di dare struttura al capello, ho trovato il prodotto perfetto nella Maschera Balsamica Ristrutturante di Biofficina Toscana (ve ne ho già parlato qui). Essa mi garantisce capelli morbidi, nutriti, ma soprattutto strutturati e disciplinati. È una crema morbida, facile da stendere e che non cola, dal profumo balsamico molto piacevole. Per l'intera chioma ne utilizzo 3 noci che spalmo per tutti i capelli, anche sulla cute, ma soprattutto sulle punte. Tengo su circa mezz'ora (se posso anche di più) e poi passo al lavaggio.
Ultimamente sto utilizzando la Maschera Nutriente di Gyada Cosmetics e devo ammettere che mi sta piacendo parecchio quasi al pari di quella di Biofficina Toscana, con l'unica differenza che la profumazione è fiorita e più dolce e il pack è in barattolo.


Shampoo: alternare gli shampoo is the way

Passando al lavaggio, l'unica grande regola che mi obbligo di seguire è alternare gli shampoo. Ho provato veramente tanti shampoo, più o meno buoni, adatti o meno al mio tipo di capello, ma la costante che ho sempre seguito è semplice: alternare prodotti diversi. L'alternanza può essere sia durante lo stesso lavaggio, andando ad usare due prodotti diversi, sia nel lungo periodo, quindi utilizzando uno shampoo una volta, e usarne un altro la successiva. Questo fa sì che i capelli non si abituino allo stesso prodotto cosa che a lungo andare porterebbe ad appesantirli e apparire più spenti.
Lavando i capelli ogni 6-7 giorni, devo essere certa di pulire bene e a fondo per cui faccio sempre due passate. Inoltre tendo a non dilure gli shampoo a meno di rare eccezioni, come in questo caso. Ammetto che non lo faccio per una reale necessità, ma più per pigrizia.
Passando alla tipologia di prodotto, e giusto per citarvi qualche nome, ormai ho imparato che ho bisogno di shampoo che siano nutrienti e che non vadano a seccare ulteriormente la cute già secca di suo, altrimenti dopo qualche giorno spunta fuori l'odiosa forforina. Ultimamente mi sto trovando veramente molto bene con il Raw Shea Butter Moisture Retention Shampoo di Shea Moisture, brand praticamente sconosciuto in Italia (lo si trova solo su lookfantastic.it), ma con un discreto successo oltreoceano e oltremanica. E' a base di burro di karité, il che lo rende un po' più pesante rispetto ad altri shampoo, ma è perfetto per i capelli secchi. Non posso dire che dia idratazione, alla fine è un prodotto che sta pochi minuti sui capelli, ma ho notato proprio la differenza da quando lo uso e la forforina è praticamente sparita. 
Come vi dicevo qualche riga più su, devo alternare gli shampoo e per controbilanciare la delicatezza e "sostanza" di questo mi sto trovando molto bene con gli shampoo Sante. Quello al Bio-Mango e Aloe l'ho trovato ottimo, ma trovo molto valido anche quello alla Mela bio e Mela Cotogna che sto usando in questo periodo. Sono shampoo un po' più lavanti del precedente, per cui non li uso mai da soli ma li accoppio sempre a qualcosa di più delicato, sono comunque leggeri e non aggressivi. Un'ottima alternativa sono anche gli shampoo Bioturm, di cui vi avevo parlato qui.


Post-shampoo: balsamo e maschere leggere

Altro passaggio immancabile nella mia routine è il balsamo. Questo lo passo sempre e comunque, anche se ho fatto un impacco pre-shampoo perché necessito di sciogliere per bene proprio tutti nudi che si sono formati durante i passaggi precedenti e ammorbidire ulteriormente i capelli. Il tipo di prodotto che uso varia in base a cosa ho utilizzato prima del lavaggio. Se ho usato una maschera ristrutturante o un impacco molto pesante utilizzo un balsamo classico che tengo giusto uno o due minuti, nel caso invece per problemi di tempo ho dovuto saltare lo step pre-lavaggio,  utilizzo una maschera un po' più leggera che tengo anche una decina di minuti. A differenza di chi magari ha la cute normale o tendente ad ingrassarsi, mi piace applicare il balsamo/maschera su tutta la capigliatura, cute compresa, insistendo ovviamente sulle punte e aiutandomi con un pettine a denti larghi per distribuirla bene e sciogliere tutti i nodi.
I miei prodotti preferiti sono il Balsamo Volumizzante di Biofficina Toscana (ormai credo lo sappia chiunque), un gioiellino in versione balsamo che è proprio in grado di dare leggerezza e volume ai capelli, oltre che a renderli supermorbidi. Come maschera invece mi piace utilizzare quella Ristrutturante ai semi di Girasole Maternatura, è in grado di lucidare tantissimo i capelli rendendoli supersetosi e morbidissimi (la profumazione fiorita poi è goduriosissima). Non è però in grado di ristrutturare a sufficienza il mio capello essendo comunque leggera per cui quando la utilizzo devo puoi ovviare con un prodotto mirato per lo styling. Altra maschera posto-shampoo che mi è piaciuta moltissimo è quella di Omnia Laboratoires ai Semi di Lino: ottima, super districante e anche decisamente economica.



Styling

Una volta sciacquata via ogni traccia di balsamo con un getto d'acqua delicato e il più fresco possibile per aiutare e dare vigore il capello, strizzo per bene i capelli e faccio il classico turbante con una salvietta per asciugare il grosso. A questo punto non pettino mai i capelli altrimenti goodbye mosso, ma passo obbligatoriamente un prodotto specifico per capelli mossi/ricci. Ne ho provati veramente parecchi arrivando alla conclusione che per il mio tipo di capelli vanno meglio i gel rispetto a creme o olii perché sono in grado di potenziare il mio mosso naturale, mentre prodotti più blandi non ce la fanno. Il mio prodotto preferito da ormai diverso tempo (praticamente dalla sua uscita) è la Lozione Ricci Morbidi di Biofficina Toscana (di cui vi ho già parlato qui e qui) perché è in grado di definire e accentuare il mosso rimanendo comunque molto leggera, non sporcando i capelli e dando pure un po' di volume. L'effetto è molto naturale perché non va a creare nuovi ricci ma enfatizza quelli già presenti. Credo che la userò per sempre (Biofficina, non dismettetela mai!). Ultimamente sto provando anche l'Hair Tonic di Francy Bio-Culture e devo dire che potrebbe essere una buona alternativa alla Lozione di Biofficina Toscana, soprattutto quando voglio più definizione. Questa infatti dà un sostegno maggiore ai ricci, anche se, proprio per la presenza di fitocheratina, i capelli tendono a sporcarsi e ad appesantirsi leggermente prima. Altre alternative potrebbero essere del semplice Gel d'Aloe o il Fluido Modellante con Miele di Maternatura. Di questo vi ho parlato giusto qui e credo dia il meglio di sè quando utilizzo prodotti strutturanti e più "pesanti" nelle fasi precedenti proprio perché non è in grado, almeno nel mio caso, di dare una forte definizione ma se bilanciato con i prodotti giusti dà grandi soddisfazioni. Come non citare anche la Gelatina all'henné di Phitofilos, ottimo prodotto, leggero e in grado di definire molto bene accentuando pure i riflessi rossi dell'henné (qui la review).

Dopo aver applicato uno dei vari prodotti descritti sopra passo all'asciugatura. Se la temperatura lo permette preferisco asciugare i capelli all'aria senza particolari attenzioni; in inverno purtroppo devo obbligatoriamente utilizzare il phon per cui mi metto a testa in giù, attacco il diffusore e asciugo andando a "schiacciare" i capelli dalle punte alla testa per favorire ulteriormente il mosso. In questo modo facilito pure un effetto volumizzante.


E negli altri giorni?

Come vi dicevo prima, riesco tranquillamente a far passare una settimana tra un lavaggio e l'altro, ma ciò non vuol dire che i capelli rimangono belli per tutti questi giorni. Ho quindi bisogno di qualche aiutino che  sfrutto in base alle necessità. Per lo più utilizzo olii o comunque prodotti nutrienti che passo sulle punte, come Krisma de Il calderone di Gaia, una sorta di burro morbido ricco di burro di karitè, di Argan e di Ricino, o l'Olio della Dea dello stesso brand. Entrambi li uso per nutrire le punte ed evitare che si secchino. Essendo a base oleosa bisogna centellinarne la quantità altrimenti l'effetto unto è dietro l'angolo, ma aiutano veramente a mantenere le punte nutrite, oltre che a dare un buon profumino. Se non li avete, del normalissimo olio di cocco andrà benissimo. In alternativa, recentemente mi sto trovando bene (anzi, benissimo!) ad usare lo Spray anticrespo di Gyada Cosmetics. Questo, a differenza dei precedenti, non è un prodotto nutriente, ma va spruzzato su tutta la chioma per disciplinare i capelli e limitare, come dice il nome, il crespo. Se come me pensate di non aver bisogno di uno spray di questo tipo, provatelo e poi ditemi se siete rimasti della stessa idea. Basta infatti qualche spruzzo, ma ammetto che io abbondo perché mi piace molto il suo profumo fiorito e delicato, per far sì che i capelli acquistino letteralmente vita, passando da un qualcosa di non ben definito a un bellissimo mosso, più definito e molto naturale. Io lo spruzzo normalmente a testa in giù e poi "strizzo" i capelli come nei passaggi precedenti per aiutarlo a distribuirsi e dare un po' di forma. Inoltre, non essendo propriamente nutriente né particolarmente grasso non ho neppure problemi ad abbondare, anzi, regala anche un profumo niente male ai capelli.



E dopo questa interminabile descrizione della mia routine, dovrei aver detto tutto. Non mi sono dilungata su erbe, henné e simili perché volevo porre l'accento su una routine il più possibile quotidiana. Mi rendo conto che possono sembrare tanti prodotti, ed effettivamente lo sono, ma questo non richiede una particolare sforzo in più, il tutto sta nel trovare i prodotti adatti al nostro tipo di capello. Se anche voi siete alla ricerca di una routine soddisfaciente non posso che consigliarvi di provare e provare, magari anche in diverso modo uno stesso prodotto, e non fermarvi solo alla prima impressione ma dare il tempo ai capelli di capire i prodotti che state utilizzando.

Detto ciò, ditemi, come vi prendete cura dei vostri capelli? Condividiamo l'amore per qualcuno dei prodotti che ho nominato?
(⺣◡⺣)♡*


14 commenti on "my beauty routine #3 Haircare"
  1. Anche io alterno spessissimo i prodotti, specialmente gli shampoo. Come te apprezzo tanto la maschera ristrutturante di Biofficina (anche sulla cutee *-*), mentre non ho mai provato gli altri prodotti (solo la maschera Omia, ma nella versione macadamia). Quello shampoo al karitè m'ispira un sacco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, la maschera Omnia alla Macadamia devo prenderla!! Appena capito da qualche tigotà me la porto a casa..
      Lo shampoo è proprio buono, peccato per la difficile reperibilità :/

      Elimina
  2. E NIENTE, mi devo lanciare verso la maschera dei Biofficini da troppo ormai!

    RispondiElimina
  3. Come te alterno sempre gli shampoo, ormai da un sacco di anni. E' un'abitudine irrinunciabile per me.
    Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è stato un periodo in cui non lo facevo perché volevo usare per bene lo shampoo del periodo. Tempo qualche lavaggio e i capelli mi si erano appesantiti come non mai, ma soprattutto avevano perso la loro normale luminosità.. :/

      Elimina
  4. Concordo in pieno: cambiare shampoo is a way of life ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Della serie "two is megl che one"! XD

      Elimina
  5. Anche io alterno gli shampoo :D al momento ne sto provando uno di Scintilla Bio, ma quando vedo che i miei capelli cominciano a fare un po' quello che vogliono torno al mio amato seboregolatore di Bio Marina *-*
    Condivido con te l'amore per lo spray anticrespo di Gyada, anche io ci vado giù pesante...
    Essendo riccia mi ispira molto l'Hair Tonic di Francy Bio-Culture :3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo un tuo video (mi sembra) in cui parlavi dei prodotti BioMarina per capelli... dovrei provarne qualcuno effettivamente...
      L'hai Tonic mi sta piacevolmente colpendo, tu che poi sei super-riccia potresti apprezzarlo ancora di più ;-)

      Elimina
  6. Io non alterno mai gli shampoo. Magari quando è finita una confezione cambio prodotto però tendo sempre a finirne prima uno prima di iniziare con l'altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora i tuoi capelli sono bravi, i miei sono infingardi e mi fanno i dispetti XD

      Elimina
  7. Anche a me piace alternare almeno due shampoo. Un po' perchè mi durano tanto e mi annoio ad usare sempre lo stesso, un po' anche per il fatto che mi sembra che i capelli reagiscano bene all' alternanza. Ma non ho la fortuna di poterli lavare ogni 6-7 giorni :(
    La maschera balsamica di Biofficina Toscana è tra le mie preferite, di quelle poche che davvero fanno la differenza sui miei capelli, me li rende morbidissimi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la maschera balasmica verrà fatta santa prima o poi! XD

      Elimina

Auto Post Signature

Auto Post  Signature