green cosmetics. beauty tips. more

random stuff #4 struccanti a confronto

30 aprile 2017
Chi ha l'abitudine di truccarsi ogni giorno sa che ad un buon make-up va sempre accostata un'ottima routine serale in cui lo stuccante fa da padrone. È necessario pulire sempre a fondo la pelle da ogni residuo che può essere sopravvissuto sino a fine giornata e, oltre ad usare detergenti che funzionino bene, lo stuccante è uno step obbligatorio, solitamente il primo e deve avere caratteristiche che ben si adattano alle nostre abitudini. Ormai in commercio c'è talmente tanta varietà che qualcuno potrebbe ritrovarsi un po' spaesato all'inizio, ho quindi pensato di raccontarvi un po' la mia esperienza con le diverse tipologie di struccante provate fino ad ora così da aiutarvi nella scelta.

 

Premessa. Non sono una che fa trucchi chissà che elaborati quotidianamente. Tendo a preferire prodotti naturali, sia per la base viso che per il make-up occhi (Neve Cosmetics in primis, ma uso spesso anche PuroBio e Nabla [che non è naturale!]). Fanno eccezione correttore, mascara e rossetti, quasi sempre facenti parte della normale distribuzione. Raramente, e solo in alcune occasioni, utilizzo prodotti a lunghissima tenuta, se escludiamo qualche rossetto liquido. Inoltre, stando fuori circa 12 ore al giorno, la sera quando finalmente torno a casa parte del trucco è già andata via.


Acque micellari

Le acque micellari hanno avuto loro boom nell'ultimo periodo, quando praticamente ogni casa cosmetica ne faceva uscire una. La loro azione struccante è data dalla presenza di micelle, particelle chiamamole pulenti che chi ha fatto un po' di chimica come me dovrebbe ben conoscere, all'interno di una fase acquosa che può essere o acqua semplice o più spesso una miscela composta per esempio da acqua di rose, estratto di camomilla o altro con effetto in genere addolcente, astringente o lenitivo in base alle formulazione. Questo fa sì che siano dei prodotti molto leggeri, adatti a chi malsopporta sostanze oleose e per la rimozione del make-up del viso proprio perchè non lasciano, in teoria, residui sulla pelle. Dall'altra parte però la loro potenza stuccante risulta essere molto più blanda rispetto a qualcosa di oleoso e sicuramente non adatta a un trucco waterproof. Inoltre, vengono definite molto delicate e adatte agli occhi, anche se da questo punto di vista avrei da ridire. Io ne ho utilizzate due, quella di Biofficina Toscana ai Frutti Rossi e quella all'Acqua di Rose Alkemilla, entrambe ad azione addolcente, ma devo ammettere che nessuna delle due mi ha particolarmente colpito (ve le ho messe a confronto qui). Ho notato un buon effetto stuccante sul viso dove effettivamente si sono dimostrate molto delicate ed efficaci ma quando arrivavo all'occhio dovevo purtroppo insistere parecchio. Inoltre, avendo gli occhi molto sensibili, bruciavano. Questo è un po' il rischio dell'utilizzo di prodotti di questo tipo che essenzialmente, se vogliamo proprio descriverle il più semplicemente possibile, sono costituite da acqua e detergente. Ho però letto di persone che si sono trovate benissimo, a cui non bruciavano minimamente gli occhi, e magari lo accoppiavano a qualcosa di un po' più efficace per le porzioni di trucco più ostiche.

Pros & Cons
+ leggero, non oleoso, non lascia residui sul viso
- non adatto a trucchi waterproof, può bruciare gli occhi



Struccanti a base oleosa

Opposti rispetto alle acque micellare troviamo quegli struccanti completamente a base oleosa. Possono essere in versione liquida o di burro a seconda degli olii/ingredienti di cui sono composti. Il loro potere struccante è dato dal fatto che, un po' come le micelle (anche se non è proprio la stessa cosa), l'olio è una sostanza apolare in grado di sciogliere altre sostanze apolari come appunto la maggior parte degli ingredienti dei trucchi. Lo struccante più semplice di questo tipo è, ovviamente, l'olio puro. Se ne possono usare di diversi, persino l'olio d'oliva, ma il più apprezzato per comodità d'uso e "leggerezza" è l'olio di cocco. A differenza di altri olii, infatti, l'olio di cocco a temperatura ambiente (intorno ai 20°, se abitate nel deserto del Sahara forse non è il vostro caso) non è liquido bensì solido, bello morbido e facilmente prelevabile con le dita. Questo fa sì che non ci sia bisogno di dischetti di cotone o altro, ma basterà prelevarne una nocciolina con le dita e massaggiarlo sul viso dove si andrà a sciogliere leggermente creando una delicatissima mousse che rimuove tutto il trucco in veramente pochi secondi. La cosa positiva dell'utilizzo di olii puri per struccarsi è proprio il fatto che sono in grado di rimuovere anche il trucco più difficile in pochissimo tempo rimanendo comunque molto delicati e senza bruciare assolutamente gli occhi. Il problema principale però è la fase di risciacquo che deve essere fatta per bene per evitare che rimangano dei residui sul viso. L'utilizzo di un buon detergente è praticamente d'obbligo. Questo è il motivo per cui l'olio di cocco non lo utilizzo mai sul viso, ma solo sugli occhi, e in genere solo d'inverno. Inoltre, se lo utilizzate sugli occhi è molto probabile che vi rimarrà per qualche minuto la cosiddetta vista appannata. Se volete evitare questo inconveniente esistono comunque alternative composte da mix di olii molto leggeri come il Pure Clean di Latte&Luna, che garantiscono l'efficacia dell'utilizzo di un olio riducendone però gli "effetti collaterali". Nello specifico, il Pure Clean lo sto utilizzando in questo periodo e, nonostante sia un mix di olii, rimane molto leggero tanto che potrei anche evitare di risciacquarlo per bene per apportare un po' di nutrimento alla pelle del viso e al contorno occhi. Inoltre, la presenza di olii quali quello derivante dalla pula del riso e dal nocciolo di albicocca il tutto condito con estratto di camomilla e tecoferolo, lo rende sicuramente più adatto al mio tipo di pelle sensibile ma tendente a impurità.

Pros & Cons
+ reperibilità, rimuove anche trucchi waterproof, delicatezza
- lascia residui oleosi sul viso


Struccanti bifasici

Una buona via di mezzo tra le due tipologie precedenti è lo stuccante bifasico. Benché ne esistano diversi tipi, affinché uno stuccante sia definito bifasico è necessario che contenga una soluzione oleosa e una acquosa. A riposo esse sono ovviamente separate tra di loro (da qui il nome bifasico) ma una volta agitate insieme si miscelano per poi separarsi di nuovo in pochi minuti. Diciamo che se le due tipologie precedenti non vi soddisfano appieno, probabilmente vi piaceranno i bifasici proprio perché racchiudono i lati positivi di entrambe le tipologie. La parte oleosa infatti permette di rimuovere praticamente tutto il make-up, anche quello un po' più resistente, mentre la parte acquosa va a mitigarne la "pesantezza" riducendo i residui che possono rimanere sul viso. Inoltre spesso la fase acquosa non è semplice acqua ma presenta al suo interno anche altre sostanze che possono essere lenitive, purificanti o comunque con qualche proprietà in più. Va da sé che un prodotto di questo tipo è adatto praticamente a tutto il viso, inclusi occhi e labbra.
Essendo la mia tipologia di struccante preferita ne ho provati diversi, il mio preferito in assoluto è il Latte Tonico Bifasico di Biofficina Toscana di cui ho già parlato qui approfonditamente e che apprezzo proprio per la delicatezza e per la capacità di rimuovere facilmente ogni cosa. Mi piace molto anche il fatto che posso struccare gli occhi e non risciacquare immediatamente il prodotto. In teoria si potrebbe lasciare come se fosse un tonico ma ammetto che un po' di "appiccicaticcio" lo lascia e in generale tendo a risciacquare sempre qualsiasi cosa utilizzi per struccarmi così da rimuovere perfettamente tutto. Un altro che mi è piaciuto molto è lo Struccante Bifasico Setaré che ho trovato molto delicato (contiene estratto di fiordaliso, aloe, calendula e camomilla) ma allo stesso tempo efficacie. Mentre mi piaciuto un po' meno, ma è comunque un buon prodotto, quello di Nacomi, lo Struccante Bi-Fase (review qui). Diciamo che con i bifasici non sono mai rimasta delusa.
Se siete avvezzi allo spignatto e volete farvi un bifasico d'emergenza base perché siete rimasti senza stuccante all'improvviso potete anche prendere dal semplicissimo olio (preferibilmente uno leggero come quello di mandorle, di riso, di jojoba) e aggiungerci due volte il volume di acqua. Mi sono ritrovata a farlo una volta in vacanza e come prodotto dell'ultimo minuto si è comportato egregiamente.
Lati negativi a questa tipologia di struccante sinceramente non ne trovo, forse tendono a costare leggermente di più rispetto agli altri prodotti (ma non sempre) e ho letto di qualcuno che soffre di bruciore agli occhi dopo averlo utilizzato, anche se a me sinceramente non è mai capitato.

Pros & Cons
+ strucca bene, delicato, leggero
- prezzo?



Struccanti in schiuma

Di struccanti in schiuma ce ne sono pochissimi in circolazione, io ne conosco solo due nel mondo della cosmesi verde, vale a dire quelli di Natura Siberica. Uno è dedicato al viso mentre l'altro allo struccaggio degli occhi. Io sto usando in questo periodo, ammetto con molto piacere, la Moisturizing Foam Eye Make Up Remover, specifica per gli occhi. La composizione è molto simile all'acqua micellare, anche se un po' più complessa e con qualche ingrediente in più, solo che l'erogatore trasforma il prodotto da liquido a schiuma. Questo fa sì che non siano necessari dischetti di cotone o spugne varie (a meno di preferenze personali) perché si preleva tranquillamente con le dita. Inoltre, non essendo liquido, è molto più facile massaggiarlo garantendo una migliore rimozione del trucco senza che entri del prodotto negli occhi con conseguente bruciore. Non è comunque delicatissimo in quanto un leggero pizzicore si sente ma, appunto, essendo una mousse si riesce facilmente ad evitare che accada. Il potere stuccante è comunque al pari delle acque micellari che ho provato, ma a mio avviso, proprio perché è in schiuma, lo trovo più efficace, benchè rimanga comunque adatto solo a trucchi medio-leggeri e non a prodotti waterproof. Similmente all'acqua micellare è delicato e non lascia residui sul viso, benchè lo trovi un pelino più "sgrassante" probabilmente dovuto alla maggiore quantità di tensioattivo al suo interno.

Pros & Cons
+ leggero, non oleoso, non lascia residui sul viso
- non adatto a trucchi waterproof, può bruciare gli occhi, può risultare un po' più aggressivo rispetto ad altre tipologie


Salviette struccanti 

Sicuramente avrete utilizzato almeno una volta nella vita delle salviette struccanti, soprattutto in momenti di emergenza o in viaggio. C'è stato un periodo molti anni fa quando da giovane e inesperta utilizzavo solo le salviettine per struccarmi, ahimè con poco successo visto che trovarne che strucchino molto bene è decisamente difficile. È indubbio però la loro comodità quando si è in viaggio e non si ha voglia di portare barattoloni, dischetti di cotone e/o spugnette varie. In generale tendo però a non utilizzarle perché avendo gli occhi molto delicati il continuo sfregare per rimuovere il trucco fa sì che il contorno occhi si irriti e rimanga sofferente per diversi giorni. Al di là di questo mio limite personale, le trovo sicuramente adatte a rimuovere trucchi molto leggeri, soprattutto sul viso, magari come primo step prima di passare a qualcosa di più funzionale. Inoltre, si prestano ad essere facilmente utilizzate per rimuovere il grosso del mascara proprio perchè si può andare a massaggiare le ciglia molto facilmente. Difficilmente però le userei da sole, se non in situazioni di emergenza.
Ci sono salviette struccanti di diverso tipo, più o meno delicate, magari addizionate con sostante lenitve, astringenti o anti-age (per quanto un prodotto di questo tipo possa effettivamente avere un effetto anti-age...). Fino ad ora quelle con cui mi sono trovata meglio e che riacquisto più spesso sono quelle Bjobj (recensione dell'anteguerra qui). Queste riesco a sopportarle per più di due giorni di fila senza che i miei occhi le rigettino, ma a lungo andare mi fanno irritazione pure loro.

Pros & Cons
+ comode in viaggio
- potere struccante leggero, possono irritare



Ovviamente queste sono solo considerazioni personali basate sulle mie abitudini e prodotti che ho provato. Esisterà sicuramente il bifasico che non strucca una cippa o l'acqua micellare che toglie anche lo stucco, ma in linea generale queste sono le caratteristiche che ho riscontrato in tutti i prodotti che ho utilizzato fino ad ora. Esistono poi altri metodi più di recente introduzione, come i panni in microfibra che promettono di struccare con della semplice acqua, ma non avendoli ancora provati non posso disquisirne. Allo stesso modo, di prodotti più classici come il latte detergente, non rientrando nella mia normale routine, ho preferito non parlarvene. Aggiornerò però sicuramente il post se ne avrò l'occasione.

E voi cosa usate per struccarvi?
(。^ω^。)
14 commenti on "random stuff #4 struccanti a confronto"
  1. Interessante come post riassuntivo!
    Giusto ieri discutevo di acque micellari in pagina, perché mi è stato detto che non servono a struccare... Lasciamo perdere.
    Pur non utilizzando solo prodotti naturali per la mia routine, ammetto di aver provato anch'io le varie categorie per la rimozione del makeup e mi piacciono più o meno tutte, anche se per caratteristiche differenti. Al momento sto utilizzando un balsamo struccante solido e ammetto che è comodissimo per la rimozione del trucco occhi, specie per me che amo abbondare con mascara ed eyeliner :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come non servono a struccare?! O_o
      Balsamo struccante solido... mi sa tanto di prodotto simile all'olio di cocco che in quanto a comodità non lo batte nessuno ^.^

      Elimina
  2. Attualmente sono nella fase "olio di cocco forever", che, come hai detto tu, mi permette di utilizzare solo le mani e il pannetto in microfibra. In generale, però, tendo a prediligere i latti detergenti, perché mi piace l'idea di coccolare la pelle nella fase più odiosa della giornata XD mi ero trovata benissimo però sia con l'acqua micellare che con la lozione bifasica entrambe di Biofficina. Diciamo che se con l'olio di cocco hai la comodità di non usare 100 dischetti (che per me sono una delle prime forme di mega disagio ecologico), con gli altri hai la comodità di struccarti in men che non si dica. Dipende dal periodo ecco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà ma il latte detergente non mi dice nulla, tanto che non ne ho mai comprato neanche uno, non so, mi sa di quella cosa via di mezzo che non strucca nè coccola particolarmente. Sicuramente parto prevenuta perché invece è apprezzatissimo, magari in futuro se ne fanno uno col packaging carino (come sono superficiale!) lo provo! XD

      Elimina
  3. Ogni tipo di pelle ha il suo struccante ideale. Io adoro l'olio di jojoba ed il pure clean di Latte e Luna. Di sicuro i due migliori prodotti per le mie esigenze. Sempre da risciacquare bene o aggiungendo un latte detergente per i residui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure io ho l'olio di jojoba a casa, però sai che non l'ho mai usato per struccarmi? Dovrei provarlo effettivamente ;-)

      Elimina
  4. Devo dire che, pur essendo abituata a trucchi molto semplici e quasi sempre interamente naturali, preferisco di gran lunga i prodotti a base oleosa e/o in crema (latte detergente forever). Questo perché ho la sensazione che siano i più efficaci (mentre apportano un po' di nutrimento), ma soprattutto perché non riuscirei a pensare di usare qualcosa di anche solo vagamente schiumoso sui miei occhi sensibili (probabilmente traumatizzati dai litri di shampoo che negli anni, per sbaglio, ci sono finiti dentro XD).
    Per un po' ho avuto il pallino dell'acqua micellare, ma poi non vi ho mai ceduto sia per evitare di usare i dischetti (e non mi ispirano molto neanche i pad lavabili), sia per il timore che brucino come sento spesso dire.
    In definitiva mi piace alternare olio (attualmente anche io utilizzo il pure&clean!) e latte detergente, direttamente con le mani, per poi risciacquare il tutto con un buon detergente. Così mi assicuro una rimozione del make up delicata ma efficace prima e una rimozione dei residui oleosi indesiderati dopo. Solitamente mi aiuto con la spugnetta coi dentini di silicone, e devo dire che per ora sono piuttosto soddisfatta!
    Certo, è un'operazione un po' lunga...il trucco sarebbe struccarsi appena tornate a casa, ma non è facile come sembra :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spugnetta con dentino di silicone?! Che aggeggio è mai questo?
      Comunque hai ragione, se prendessi l'abitudine di struccarmi appena arrivo a casa sicuramente apprezzerei di più questo passaggio, di certo non lo farei di fretta mezza addormentata come di mio solito XD

      Elimina
    2. Sono questi qua, li avrai intravisti da sephora o da tiger :)
      https://ae01.alicdn.com/kf/HTB1DSilLpXXXXaVXFXXq6xXFXXXp/1pcs-Healthy-Baby-Soft-font-b-Silicone-b-font-font-b-Cleaning-b-font-Pad-Wash.jpg

      tra l'altro ho appena scoperto che teoricamente serve a pulire lo scalpo dei neonati, io mi ci trovo benissimo...tipo Foreo dei poveri XD

      Elimina
    3. Ah ecco! Non lo avevo mai notato... approfondirò la questione, grazie!

      Elimina
  5. Che bel post! Grazie Redditude <3

    Io mi trovo bene con quasi tutti i metodi elencati fatta eccezione per le salviettine e gli struccanti in schiuma.
    Quando sono poco truccata, mi basta uso uno struccante oleoso da rimuovere con un panno o un detergente schiumoso, e il Pure Clean è sicuramente uno dei miei preferiti.
    Non uso mai oli puri perché ho paura di appesantire troppo il contorno occhi e perché odio l'effetto della vista appannata di cui parlavi tu. Preferisco spendere qualcosina in più ma utilizzare prodotti ideati appositamente per la pulizia del viso e degli occhi.

    Mi trovo bene anche con bifasico e micellare, che scelgo quando uso prodotti waterproof. Anche se, contro ogni aspettativa, la micellare Alkemilla rimuove la mia matita siliconica meglio del bifasico di Miss Trucco.

    Adesso vorrei provare un burro struccante. Ho puntato quello di Lulu & Boo organics *-*.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tu sei fonte inesauribile di tentazioni! Cosa è questo burro struccante?! Lo voglio!!
      il bifasico di Miss Trucco volevo provarlo, ma se mi dici che è un po' meh magari lascio stare...
      comunque grazie a te che puntualmente leggi sempre i miei post nonostante la lunghezza imbarazzante (*3*)

      Elimina
  6. Io uso due diversi struccanti.
    1 bifasico per gli occhi e un acqua micellare per il viso.
    Questo perchè truccando parecchio gli occhi con prodotti water resistent non ce la fanno le acqua micellari a struccarmeli bene. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse questo sarebbe il metodo migliore, ma la mia pigrizia mi impedisce di usare più di un prodotto per struccarmi, ahahah! XD

      Elimina

Auto Post Signature

Auto Post  Signature